Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2020

I professori della scuola secondaria San Giuseppe lanciano una sfida agli studenti...

Immagine
Buongiorno ragazzi, la proposta che vorremmo farvi in realtà è una cosa molto semplice, molto semplice ma non scontata.
Ci siamo posti una domanda:qual è la vera esigenza di questo momento per noi e per voi, per tutti?
La vera esigenza è quella di non farci ingannare, di non farci fregare dal fatto che adesso sembri tutto uguale, ogni giornata uguale all’altra. Ma ecco, il verbo è giusto: SEMBRA. Perchè in realtà i giorni, questi giorni, non sono tutti uguali, anche se può sembrare così. Non sono tutti uguali perchè se uno ci fa caso, all’interno di queste giornate, di ciascuna giornata, accade sempre qualcosa che ci sorprende. Almeno una al giorno vi assicuro che c’è.
C’è una poesia di Mariangela Gualtieri che dice:
È portentoso quello che succede. E c’è dell’oro, credo, 
in questo tempo strano.  Forse ci sono doni. Pepite d’oro per noi.  Se ci aiutiamo.
La nostra esigenza in questo momento è aiutarci a vedere e riconoscere quella cosa che ci sorprende all’interno di queste giornate, di questo …

Federico condivide il suo disegno dell'arcobaleno con un messaggio “ANDRA’ TUTTO BENE”

Immagine
Federico condivide il suo disegno dell'arcobaleno con un messaggio  “ANDRA’ TUTTO BENE”
Alle mie maestre e a tutti i miei amici (tutti presenti con i loro nomi) della Scuola dell'Infanzia La Carovana
MI MANCATE TANTO

L’iniziativa del Madonna Industrial Bakery continua: "Ogni giorno mandiamo in dono prodotti da forno agli operatori degli ospedali"

Immagine
Una rete di solidarietà che si sta espandendo oltre i confini della Regione. Si tratta dell’iniziativa di solidarietà ideata dalla famiglia Madonna titolare da oltre venti anni a Modena del ‘Madonna Industrial Bakery’, da azienda di prodotti di panificazione surgelati, ossia pane, pizza e focacce. Prelibatezze che in questo periodo stanno avendo un utilizzo inaspettato e soprattutto meritorio... Continua a leggere

Iniziativa di Madonna Bakery, una famiglia della nostra scuola
Pane, focacce e salumi offerti ogni giorno ai medici del Policlinico
Per due settimane, alle 8 di mattina in punto, consegneranno focacce, pizze, pane e salumi al Policlinico di Modena, a beneficio del personale sanitario da settimane in prima linea nella lotta al COVID19. Il bel gesto è frutto della generosità di Madonna Industrial Bakery di Modena, Salumificio Giovetti di Portile e Porta Aperta.

“L’idea – spiega Salvatore Madonna, Amministratore delegato dell’impresa di famiglia – nasce all’intuizione dei miei nipo…

Saluto dei bambini della Luigi Giussani School

Immagine
I bambini di Kampala ci mandano un saluto e un messaggio "Preghiamo per voi"
GUARDA IL VIDEO
Condividiamo il bellissimo video dei bimbi che frequentano la Luigi Giussani School una scuola che ha lo stesso fondamento educativo della nostra ed è frequentata da Shelina, la ragazza che  da anni sosteniamo con l’adozione a distanza AVSI

Il talento secondo Alessandro D'Avenia

Immagine
Il talento secondo  Alessandro D'Avenia
"Il talento è quando tu scopri  quel pezzo di mondo  per cui sei insostituibile"


"Tutte le volte che chiediamo ad una persona “chi sei?”, inevitabilmente ci parlerà del suo talento.  Credo che nella scuola una parte considerevole dello sforzo educativo dovrebbe passare da questa domanda, per poi coltivare e proteggere quel centro di gravità, minacciato spesso dai copioni dettati dalle pretese certezze sul futuro, dalle aspettative familiari e culturali, dalla semplice contingenza della vita. Dimenticare il proprio talento è la vera minaccia alla nostra vita, perché è la vera minaccia alla nostra anima. Quando una persona parla del suo “talento” è capace di affascinare chiunque, perché è come una rosa fiorita: ti imbatti in lei e non puoi non guardarla... Continua a leggere

Le tate Ilaria, Luana, Sabrina e Francesca cantano "Sol Soletto"

Immagine
Le tate Ilaria, Luana, Sabrina e Francesca cantano ai bambini del Nido d'Infanzia Carovana "Sol Soletto"






Lettera della Prof.ssa Valentina Zanasi

Immagine
Contributo dalla Scuola Secondaria "San Giuseppe" di Modena
Lettera della Prof.ssa Valentina Zanasi

Caro Direttore, cari Colleghi, cari Genitori e soprattutto cari Ragazzi è affidandomi ad un flusso di coscienza che vi scrivo questo contributo, perchè l'isolamento forzato e la distanza dalla ragione per cui vengo a lavorare tutti i giorni - i nostri e vostri ragazzi - inducono a riflessioni e a fermarsi un attimo di più ad apprezzare in modo nuovo ciò che abbiamo, ciò che tutti insieme condividiamo.

La prima evidenza che mi balza agli occhi, anzi, al cuore, è che i ragazzi mi mancano. Mi manca vedere i loro volti sorridenti, le loro battute, la loro attenzione e anche la loro distrazione, i momenti d'impegno, di dialogo e anche di svago, e chiaramente anche le "mattate" così tipiche della loro età. Mi manca avere il loro cuore così visibilmente davanti ai miei occhi ogni giorno, ciascuno a suo modo...chi più aperto e disponibile, chi più chiuso e timido, chi p…

Le maestre Alessandra e Greta leggono "Un cucciolo tutto per me!"

Immagine
Le maestre Alessandra e Greta leggono ai bambini della Scuola dell'Infanzia la storia
"Un cucciolo tutto per me!"


Sofia condivide il suo disegno "LOVE" con un messaggio

Immagine
Sofia condivide il suo disegno "LOVE" con un messaggio
Dedico questo disegno a tutti gli studenti  della Carovana e in particolare  agli amici della 1°B della scuola secondaria
VI VOGLIO BENE E MI MANCATE!!!

Francesca Totaro condivide la sua poesia dedicata ai nostri ragazzi

Immagine
Nel mio cuore esiste il tuo abbraccio. Come impronta calda sulla sabbia, e non verrà il mare, non verrà il mare a cancellare! Come il ricordo del sole sulla pelle, resiste il tuo abbraccio.
Non importano ora gli argini, amico caro, mio compagno,  non trova confine questo tuo sguardo che porto nel cuore.
Verrà il giorno in cui le dita, liete, si intrecceranno ancora. Azzurro sarà Il tuo tocco, come i primi occhi da bambino. Aspettami forte, amico caro. Sto arrivando!”
di Francesca Totaro Mamma di una studente della  Scuola Secondaria di 1° grado San Giuseppe di Modena




La maestra Elisa condivide una breve storia scritta da lei "Le 7 Sorelle Alate"

Immagine
Contributo dalla Scuola Primaria "La Carovana" di Modena
La maestra Elisa Giuliani dedica a tutti i bambini che sono a casa da scuola una breve storia scritta da lei "Le 7 Sorelle Alate"
C'erano una volta 7 sorelle erano farfalle assai molto belle. La prima era Giallina era la più timidina, pur essendo molto solare, amava assai scherzare! La seconda era Arancia, forte come una lancia. Insieme alla maggiore, svolazzava come il vento di stagione. La terza era quella più focosa, Rossella, che amava ogni cosa. Con la sua passione tutti contagiava  e nessuno la fermava! Violetta era la quarta,  adorava la calma, quanto una sarta. Era elegante e graziosa e si posava spesso sul lillà e sulla rosa. Non mancava sicuramente Bluetta, che schizzava qua e là come una saetta. La notte lei adorava, perché in essa si coricava e sognava. C'era poi Azzurra, la sorella ondeggiante, che del mare avea la forma spumeggiante. Seguendo le maree volteggiava e la brezza marina in viaggio portava. L'ultima,…

La tata Sabrina legge ai bambini "Giulio Coniglio e il Pulcino Pio"

Immagine
La tata Sabrina legge ai bambini del Nido d'Infanzia la storia di 
"Giulio Coniglio e il Pulcino Pio"


La tata Luana canta ai bambini "Pappacia"

Immagine
La tata Luana canta ai bambini del Nido d'Infanzia
"Pappacia"


La maestra Francesca legge ai bambini "Perché non fiorisci?"

Immagine
La maestra Francesca legge ai bambini della Scuola dell'Infanzia la storia
"Perché non fiorisci?"

Il lavoro nei giorni del Coronavirus

Immagine
Contributo dal Nido d'Infanzia"La Carovana" di Modena
Il lavoro nei giorni del coronavirus

La notizia della chiusura delle scuole di ogni ordine e grado mi ha veramente sorpresa e lasciata quasi incredula. All’inizio ho ritenuto che se il tutto si fosse risolto con una settimana di chiusura, il sacrificio tutto sommato sarebbe stato contenuto. Poi la situazione è precipitata. Non solo non si può neppure ipotizzare un rientro a scuola in tempi brevi, ma addirittura siamo giunti a non poterci neanche più incontrare.

Quindi? Come fare?

Il mio lavoro è fatto di relazione e di cura e il desiderio di raggiungere in qualche modo i bambini, comune a tutte le mie colleghe dei diversi gradi della scuola, si è fatto ogni giorno più forte. Ed ecco far capolino una creatività in noi maestre non proprio scontata.

Come fare a mantenere una relazione, soprattutto con i bambini più piccoli del nido in questa situazione?

Abbiamo pensato di realizzare delle piccole briciole di compagnia, tramite…

La maestra Francesca legge ai bambini "In viaggio alla scoperta degli orsi"

Immagine
La maestra Francesca legge ai bambini della Scuola dell'Infanzia la storia 
"In viaggio alla scoperta degli orsi"



La maestra Ada canta ai bambini "Un milioni di anni fa"

Immagine
La maestra Ada canta ai bambini della Scuola dell'Infanzia "Un milione di anni fa"



Lettera della Prof.ssa Valentina Rosignoli ai suoi studenti

Immagine
Contributo dalla Scuola Secondaria "San Giuseppe" di Modena
Lettera della Prof.ssa Valentina Rosignoli ai suoi studenti

Ci tengo a dirvi alcune cose. Nella situazione in cui siamo credo veramente che io e voi, insegnanti e studenti costretti a stare in casa per il bene comune, possiamo coltivare e portare speranza e contribuire al bene nello stesso modo: fare bene e con amore ciò che possiamo fare in questo momento. “Cioè niente?” direte voi. “Be’, non proprio niente” risponderei io.

Per me, “fare quello che posso fare in questo momento”, significa preparare le lezioni, correggere, leggere, studiare, disegnare (ebbene sì, in questi tempi di Coronavirus la noia mi ha fatto scoprire che so disegnare bene), scrivere, guardare qualche bel film, cucinare, svolgere le faccende domestiche; e per voi studiare, svolgere con cura i compiti e partecipare alle attività scolastiche che vi sono proposte, leggere (chissà, magari cercando nella libreria di casa troverete dei tesori nascosti), …

La maestra Caterina legge ai bambini "Angioletto Perfetto"

Immagine
La maestra Caterina legge ai bambini della Scuola dell'Infanzia la storia di 
"Angioletto Perfetto"



La maestra Greta legge ai bambini "Un Bacio in Viaggio"

Immagine
La maestra Greta legge ai bambini della Scuola dell'Infanzia la storia
"Un Bacio in Viaggio"


POST dalla Segreteria della Coop. La Carovana

Immagine
In questo momento così difficile  tutta la segreteria e tutto il corpo insegnante  si sta adoperando per tamponare l'emergenza.  Avere il sostegno e la comprensione  di voi genitori per noi è importantissimo. 
Grazie a tutti. A presto. La Segreteria

La maestra Alessandra legge ai bambini "Bastoncino"

Immagine
La maestra Alessandra  legge ai bambini della Scuola dell'Infanzia la storia di 
"Bastoncino"

Gigi Tinti dedica una foto a tutti, con l'augurio di buon auspicio

Immagine
Gigi Tinti condivide una foto scattata dalla finestra di casa sua proprio all'interno del Centro Scolastico "La Carovana" e la dedica a tutti ... e che sia di buon auspicio!!!

La maestra Maddalena parla del Coronavirus ai bambini

Immagine
La maestra Maddalena parla del Coronavirus  ai bambini della Scuole Primarie della Coop. La Carovana


POST di una studentessa della Scuola Secondaria "San Giuseppe"

Immagine
Inizialmente non ero triste della pausa da scuola per colpa del Coronavirus, ma quando le settimane a casa sono aumentate mi sono iniziate a mancare le lezioni, gli amici e i professori. Emma

La scuola al tempo del coronavirus. «Abbiamo riscoperto un tesoro»

Immagine
da Tempi.it, D. Gomarasca, 03 marzo 2020

«Il coronavirus ci ha fatto riscoprire che non basta trasmettere nozioni per potersi chiamare scuola e che questa è un tesoro prezioso da custodire». Chi l’avrebbe mai detto che dopo due settimane passate a casa, a causa delle direttive regionali che in Lombardia hanno ordinato la chiusura degli istituti per frenare l’epidemia, gli studenti avrebbero cominciato a rimpiangere le lezioni?
«Il coronavirus ci ha fatto riscoprire che non basta trasmettere nozioni per potersi chiamare scuola e che questa è un tesoro prezioso da custodire». Chi l’avrebbe mai detto che dopo due settimane passate a casa, a causa delle direttive regionali che in Lombardia hanno ordinato la chiusura degli istituti per frenare l’epidemia, gli studenti avrebbero cominciato a rimpiangere le lezioni? Per Daniele Gomarasca, coordinatore didattico della Zolla a Milano (che comprende scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado) e direttore delle medie nel polo di vi…